La Salute dei Nostri Gatti e dei Cuccioli

Tutti nostri Gatti sono testati annualmente e occasionalmente( per le malattie genetiche) per : 

 

-HCM- Cardiomiopatia Ipertrofica

-HD- Displasia dell anca 

-Fiv

-Felv

-GSD 4

-PKD - Sindrome del Rene Policistico

-PK-Def-Deficit di Piruvato Chinasi 

-TriTrichomonas

-Giardia

-Parassitologico feci

Tutti NEGATIVI nel 2015

 

 

 

Tutti i nostri cuccioli lasciano casa nostra con la loro cartella sanitaria che comprende:

Certificato veterinario di ottima salute, datato entro la settimana del ritiro del cucciolo.

Test sui genitori ( vedi sopra)  e quando possibile anche quelli effettuati sui nonni, sopratutto per quel che riguarda la cadiomiopatia ipertofica ( HCM )

PKD (Polycistic Kidney Disease – la Sindrome del Rene Policistico)

 

La PKD (Polycistic Kidney Disease – sindrome del rene policistico) è una malattia genetica ereditaria che colpisce i reni. Già dalla nascita, nei gatti affetti, sono presenti delle microcisti (cavità piene di liquido all’interno del tessuto renale) che si ingrosseranno durante la crescita del gatto fino ad arrivare anche a 2cm di diametro, per un numero che va da 20 a 200 cisti.

E’ una malattia che ha una progressione lenta, perché i sintomi dipendono dalla grandezza e dal numero delle cisti tanto che può essere anche asintomatica.
La PKD produce nel gatto un’insufficienza renale, che appare mediamente a 7 anni, con aumento della seteaumento della frequenza urinariadiminuzione dell’appetito. Al peggioramento dell’insufficienza renale, ci possono essere episodi di vomitosangue nelle urine e affaticamento respiratorio.
E’ una malattia incurabile, ma con le adeguate cure il gatto può vivere molti anni e la terapia solitamente comprende una dieta specifica a vita insieme a integratori, se necessario.

Profilo genetico

La PKD è una malattia autosomica dominante. Questo significa che può colpire indistintamente maschi o femmine e può essere trasmessa solo in forma eterozigote, cioè ereditata da un solo genitore. Si pensa che l’ereditarietà in forma omozigote (da entrambi i genitori) sia già letale a livello embrionale oppure nelle prime ore di vita.

Il test

 

In commercio è disponibile un test genetico per l’identificazione della mutazione PKD ma è valido esclusivamente sulla razza persiana ed esotica.
Per tutte le altre razze, l’unico esame possibile è l’ecografia renale, che permette l’identificazione delle cisti tipiche della patologia. Molti veterinari consigliano la prima ecografia a un anno di età, e comunque prima che il gatto venga fatto riprodurre ma, dato che le cisti in gatti PKD(+) sono presenti dalla nascita, è possibile eseguire screening anche più precoci.

 

Gestione in allevamento

 

La PKD non è, a oggi, considerata da molti allevatori come una malattia tipica del Norvegese delle Foreste, sebbene nella letteratura sia sovente indicata come una delle razze a rischio. Si pensa che ogni razza che, a un certo punto della sua selezione, sia stata ibridata con il Persiano sia una razza potenzialmente a rischio (per esempio Esotici, Angora, Maine Coon…).
E’ buona norma comunque testare i propri riproduttori a un anno di età, prima che vengano fatti riprodurre e, seguendo le indicazioni del veterinario, procedere a screening cadenzati nel tempo. Ricordiamo che è comunque consigliato, anche su un gatto negativo per PKD, eseguire controlli periodici sullo stato di salute dei reni, sia da un punto di vista ecografico che attraverso un profilo renale ematico.
Un gatto PKD(+) dovrà essere sterilizzato e andranno testati – ed eventualmente sterilizzati – i suoi discendenti.

Il deficit di piruvato-chinasi (PK-Def)

 

Il deficit di piruvato-chinasi (piruvato-kinase deficiency, PK-Def in breve), è una malattia su base genetica. La piruvato-chinasi è un enzima che si trova all’interno dei globuli rossi e ne controlla la capacità di produrre energia per sopravvivere. Quando l’enzima è carente, i globuli rossi vanno incontro a una distruzione prematura (eritrolisi) e questo comporta quindi una riduzione del loro numero del sangue. L’anemia risultante è quindi la primaria conseguenza del deficit.

La diagnosi di PK-Def su base sintomatologica può essere però molto difficile: poiché l’organismo del gatto è in grado di adattare la produzione di globuli rossi a fronte di una loro diminuzione, l’anemia può presentarsi saltuariamente o a intermittenza. Lo sviluppo della patologia è lento, nella maggior parte dei casi, con sintomi vaghi quali letargia e perdita di appetito. Esiste comunque la possibilità che il gatto sviluppi un’anemia molto severa, tale da metterne a rischio la sopravvivenza.

La PK-Def è una malattia congenita su base genetica, per cui non esistono cure e, dato che molto spesso l’anemia è leggera, i segni clinici possono non essere immediatamente ovvi e quindi la condizione può essere sottostimata per molto tempo. Ci sono casi di decessi entro i due anni, ma anche casi in cui l’aspettativa di vita è lunga (oltre 8 anni). E’ fondamentale, per un gatto affetto dalla malattia, che le sue condizioni di vita siano ottimali e che vengano evitati eventi stressogeni il più possibile.

La malattia è tipica delle razze Abissina e Somala, ma si può trovare in razze che hanno subito ibridazione con gli Abissino o i Somali così come nei gatti domestici.

 

Profilo genetico

La PK-Def è una malattia autosomica recessiva. Questo significa che un gatto può essere definito:

    •    normale: non ha alcuna copia del gene difettoso, non si ammalerà della patologia nè passerà la patologia alla discendenza

    •    carrier: nella coppia di alleli che definiscono la malattia, è presente un allele difettoso. Il gatto non si ammalerà mai, ma potrà passare la mutazione alla discendenza

    •    affetto: la coppia di alleli è composta da due cromosomi difettosi. Il gatto svilupperà la patologia è passerà sicuramente la mutazione alla discendenza.

 

In caso di accoppiamento tra due carrier PK-Def, dato che entrambi i genitori possiedono una copia del gene difettoso, potranno passare la mutazione alla discendenza. In particolare, due carrier genereranno il 25% di cuccioli affetti dalla malattia, il 50% di cuccioli carrier e il 25% di cuccioli sani.

 

In caso di accoppiamento tra un gatto carrier e un gatto sano (cioè non portatore del deficit), avremo il 50% di gatti carrier e il 50% di gatti sani.

In un accoppiamento tra due gatti affetti, il 100% della discendenza sarà affetto.

 

Gestione in allevamento

Da un punto di vista allevatoriale, i gatti affetti non devono essere usati in riproduzione. È possibile utilizzare gatti carrier, ovviamente definendo un piano di controllo e di negativizzazione della linea, per gestire la patologia il più possibile e andare verso l’eradicazione della patologia nella razza. Nell’allevamento di Abissini e Somali, a causa del ristretto numero di soggetti con cui si lavora attualmente, i piani di allevamento comprendono l’utilizzo consapevole dei carrier, perchè una loro sterilizzazione a tappeto comporterebbe seri problemi di consistenza numerica del pool genetico.

In generale, quello che deve essere fatto quando si decide di utilizzare un carrier in allevamento è di accoppiarlo con gatti non-carrier, testare la cucciolata e preferire di continuare a lavorare sulla linea tenendo in allevamento gatti negativi alla mutazione. In questo modo si raggiungerà il duplice obiettivo di “pulire” la linea di sangue e, nel contempo, di preservarla.

 

Lo studio dell’UC Davis

Come abbiamo già pubblicato nell’articolo precedente, Novità sulla PK-Def nel Norvegese delle Foreste, un recente studio dell’UC Davis indica che anche nel Norvegese delle Foreste è presente la malattia, anche se attualmente non abbiamo ancora indicazioni precise sulla frequenza genica e sulle conseguenti percentuali di carrier e di affetti nella razza.

Suggeriamo pertanto, in questa prima fase, di testare i propri gatti e di sottoporre il risultato dei test ai database pubblici di raccolta degli esiti, per consentire uno studio più approfondito sulla diffusione della mutazione.

 

Dove fare il test

Dato che la mutazione trovata nel Norvegese delle Foreste è la stessa riscontrata negli Abissini e Somali della quale esiste già il test genetico, è possibile testare i propri gatti presso diversi laboratori che già sono certificati per l’esecuzione del test. E’ possibile eseguire il test sia con campione di sangue che con prelievo buccale. Ecco un elenco non esaustivo dei laboratori ai quali ci si può rivolgere:

 

    •    Genefast (Italia – convenzionato Anfi)

    •    Vetogene (Italia)

    •    UC Davis (USA)

    •    Laboklin (Germania)

     

La Glicogenosi di Tipo IV

La GSD IV (glycogen storage disease type IV, glicogenosi di tipo IV) fa parte di un insieme di malattie, chiamate appunto glicogenosi. Quella di tipo IV colpisce il Norvegese delle Foreste. Sono patologie ben descritte anche in umana, classificate come malattie rare.

In un organismo normale, l’eccesso di glucosio ottenuto con la dieta o con la conversione di proteine e grassi viene immagazzinato in una catena ramificata di polimeri, il glicogeno, costruito utilizzando come catalizzatore l’enzima GBE (glycogen branching enzyme). Quando l’organismo ha bisogno di energia, le molecole di glucosio sono rimosse dal glicogeno e immesse nella circolazione sanguigna oppure utilizzate dai tessuti. L’abilità diaggiungere e rimuovere il glucosio dal glicogeno in modo efficiente dipende dalla complessità della sua struttura ramificata.

La GSD IV è una deficienza ereditaria dell’enzima GBE: i soggetti affetti immagazzinano una forma abnorme di glicogeno che, quindi, porta a un insufficiente utilizzo del glucosio. Ecco quindi che la GSD IV può essere considerata una ipoglicemia cronica che peggiora inesorabilmente verso la morte (perché l’organismo non è in grado di utilizzare in modo efficace il glucosio).

Nel gatto, i cuccioli affetti muoiono poche ore o pochi giorni dopo la nascita, molto probabilmente perché non hanno sufficiente glucosio per superare il parto e le prime ore/giorni di vita. Più rara è la forma tardiva, per cui il cucciolo è sano fino ai 5/7 mesi per poi, improvvisamente, mostrare un blocco della crescita e una debolezza diffusa, con i seguenti sintomi:

    •    ipertermia elevata (oltre 40°), insensibile ai corticosteroidi

    •    tremori intermittenti e generalizzati che diventano permanenti

    •    fiacchezza intermittente, a “singhiozzo”

    •    debolezza muscolare, seguita da atrofia muscolare,      contratture fibrotiche di

    •    articolazioni che portano a difficoltà di movimento e di alimentazione e che richiedono assistenza continua da parte del proprietario

    •    tetraplegia

I gatti affetti possono sopravvivere fino ai 10/14 mesi. Muoiono di arresto cardiaco, a volte dopo coma.

La malattia è letale e non esistono cure.

E’ possibile che sia confusa con l’isoeritrolisi neonatale perché i sintomi possono far pensare a entrambe le patologie. L’unica cosa che si può fare è il test (genetico per la GSD IV, identificazione del gruppo sanguigno con tipizzazione dell’allele B per l’isoeritrolisi neonatale).

 

Profilo genetico

La mutazione della GDS IV è recessiva, ciò implica che la possibilità che si esprima nella discendenza c’è solo se entrambi i genitori sono portatori della mutazione.

Si possono trovare 3 differenti possibilità:

    •    entrambi i genitori sono sani (essi sono omozigoti per l’allele normale): i figli sono sani e non porteranno la mutazione.

    •    se uno dei genitori è carrier (eterozigote) avremo circa il 50% di carrier ed il 50% di gatti sani tra i loro figli.

    •    Quando due portatori vengono accoppiati noi otteniamo il 25% di gatti malati, il 50% di carrier ed il 25% di gatti sani.

Ricordiamo che un gatto carrier è un gatto che non ha la malattia e che non la svilupperà mai. Potrà però trasmettere la mutazione ai figli.

 

Il test

E’ disponibile un test genetico, su sangue o tampone buccale, per individuare non solo i gatti affetti ma anche i portatori.

Alcuni laboratori che eseguono questo test sono:

 

-Vetogene

-Genefast

-Antagene

-Genindexe

-Laboklin

-PennGen

 

Ogni laboratorio prevede l’invio a casa, su richiesta, del materiale per i test (tamponi o provette per raccolta ematica), insieme con la documentazione necessaria. In alcuni casi è richiesto, per una corretta identificazione del gatto, che sia applicato il microchip.

Vuoi tenerti aggiornato sulle prossime nascite? Iscriviti alla nostra Newsletter!

ISLABONITA GOLDEN RETRIEVER & BASSOTTO TEDESCO PELO CORTO

Visita il Sito

WEDDING DOG ISLABONITA

Per Il Tuo Matrimonio

Con Il Tuo Amico Con La Coda

Visita il Sito

 

 

Ci Siamo Trasferiti!

 

Dopo quanto accaduto alla nostra povera Gaia, causando enorme sofferenza, disagio e invivibilità del posto in cui vivevamo  e lavoravamo con i nostri amati cani e i nostri amati gatti a Bergamo, abbiamo deciso di trasferire l'Allevamento. Ricominceremo da capo, per Gaia.

Nos vemos pronto en la Nueva Islabonita!

Contatti

Ci potete contattare al numero:

 

+39 327 90 17 113 +39 327 90 17 113

 

Oppure potete usare il nostro modulo online.

Stampa Stampa | Mappa del sito
© 2019 by ISLABONITA NORVEGESI DELLE FORESTE - Strada Nuova snc - 29020 Travo (PC) Partita IVA: 08393170967 E' vietata la riproduzione anche parziale, senza preventiva autorizzazione scritta

Chiama

E-mail

Come arrivare